Tag: Simone Bezzini Pagina 1 di 3

Taglio dei boschi, Bezzini: “La sentenza del Consiglio di Stato rischia di mettere in ginocchio il settore”

“Urge un intervento da parte del Governo. Aprire un dialogo tra Regione e Sovraintendenza per alleggerire l’iter dei permessi”

La manutenzione del bosco si fa più difficile. Una sentenza del Consiglio di Stato stabilisce che per poter effettuare il taglio di boschi in aree sottoposte a vincolo paesaggistico, serve un’autorizzazione anche della Sovraintendenza, oltre a quelle già richieste. Una decisione che quindi aggiunge un altro passaggio e complica ulteriormente l’iter per le aziende che si occupano di selvicoltura.

“Due giorni fa, a Monticiano, con Anna Paris abbiamo parlato di questa novità con un imprenditore del settore che non ha potuto fare a meno di esplicitare la sua preoccupazione, comune tra chi si occupa de taglio dei boschi – afferma Simone Bezzini, candidato al consiglio regionale della Toscana -. La recente sentenza del Consiglio di Stato dilata notevolmente i tempi di avvio di un’attività (richiedendo dai 60 ai 90 giorni) che è ordinaria e necessaria alla cura dei boschi, aumentando di conseguenza le spese che imprese e privati devono sostenere per poter intervenire”.

“Una pratica onerosa che, considerato anche il periodo storico-economico che stiamo vivendo, rischia di mettere in ginocchio l’intero settore. Per non parlare delle attività di selvicoltura svolte fino ad ora in maniera corretta, ma che in base a questa nuova sentenza sarebbero irregolari”.

“Questa decisione è a mio avviso un passo indietro rispetto ad un processo di sburocratizzazione che serve all’Italia. Urge al più presto un intervento da parte del Governo, alla luce anche del fatto che manca veramente poco all’avvio della nuova stagione – conclude Bezzini -. La Regione Toscana, nel frattempo, in base alla sua competenza amministrativa dovrebbe aprire urgentemente un dialogo con la Sovraintendenza per trovare gli strumenti utili ad alleggerire l’iter dei permessi e semplificare il lavoro dei nostri operatori forestali”.

Questione sicurezza a Siena, Bezzini: “Giusto l’incremento del presidio delle forze dell’ordine, ora serve sinergia tra i vari attori sociali”

“Servono risposte alle preoccupazioni dei cittadini senza alimentarle”

“E’ da qualche mese ormai che a Siena si verificano episodi di violenza e di degrado che coinvolgono principalmente alcune zone, ma preoccupano giustamente l’intera città – afferma Simone Bezzini -. Gli ultimi avvenimenti, in particolare, fanno luce su un problema sociale che si fa più allarmante considerata la giovane età dei protagonisti. Serve la massima attenzione evitando di cadere nella strumentalizzazione politica. Bisogna dare risposte concrete e tempestive alle preoccupazioni dei cittadini attraverso i mezzi che il nostro ordinamento prevede e non alimentarle ulteriormente.

Giusto incrementare il presidio e i controlli nelle zone più a rischio, come effettivamente si sta già facendo. La presenza delle forze dell’ordine sul territorio, assicurata con impegno e professionalità, è senza dubbio un deterrente per determinati atteggiamenti, ma non basta. Sarebbe sbagliato credere che sia solo una questione di ordine pubblico.

La situazione è figlia di un forte disagio giovanile di cui le istituzioni, insieme a tutti gli attori sociali, devono prendere coscienza per poi affrontarlo nel migliore dei modi, senza sottovalutare l’importanza di una mediazione sociale utile a mitigare eventuali elementi di tensione – continua Bezzini -. In questo caso è fondamentale il ruolo del Comune che deve sviluppare il dialogo tra istituzioni, contrade, scuole, associazioni. Siena é una città dall’alto senso civico e dalle grandi radici sociali e solidaristiche, queste sono le risorse che vanno affiancate al lavoro delle forze dell’ordine.

Sinergia che potrebbe trovare l’appoggio anche della Regione Toscana che, pur non avendo competenza diretta in materia di sicurezza, ha già collaborato in passato con varie città toscane, tra cui la stessa Siena, promuovendo progetti di sicurezza integrata e partecipata e dando il proprio sostegno finanziando l’ampliamento della rete di videosorveglianza. Si potrebbe candidare la città per la costruzione di un progetto di sicurezza integrata e partecipata con il supporto della Giunta regionale” conclude il candidato consigliere regionale Simone Bezzini.

Contributi per le città d’arte, tra le destinatarie c’è anche Siena

Bezzini: “Grande soddisfazione. Risposta importante del Governo”

Tra le città d’arte alle quali il Governo, nel decreto Agosto, destinerà un contributo a fondo perduto per le attività commerciali c’è anche Siena. Una manovra effettuata a seguito del calo di presenze turistiche registrato quest’anno in molti centri storici italiani e che la Regione Toscana ha voluto fortemente.

“Accolgo con piacere che il Governo ha previsto una norma che vale 500 milioni e assegna un contributo alle attività “di vendita di beni o servizi al pubblico” che a giugno abbiano registrato perdite del 50% rispetto allo scorso anno, ed è destinato alle città ad alto flusso turistico – commenta Simone Bezzini -. Tra le 29 città d’arte, insieme a Venezia, Milano, Padova, Como, spicca anche Siena, che quindi riceverà una quota delle risorse stanziate dal Governo. Una notizia che non può che darci soddisfazione considerato anche l’impegno della Regione Toscana su questo fronte.

Siena si trova al quinto posto, a livello nazionale, nella classifica tra rapporto di presenze turistiche straniere e residenti. Segno, questo, del grande fascino e attrazione che la nostra città esercita nel mondo – continua Bezzini -. Adesso non rimane che aspettare di conoscere quali saranno i criteri di suddivisione di tali contributi, ma al momento c’è già un dato di fatto: mentre la destra è dedita alla propaganda il Pd, ad ogni livello, cerca di dare risposte concrete alle attività economiche colpite duramente dalla crisi dovuta al lockdown e ai limiti degli spostamenti.

Rimane ancora aperta la questione legata ai comuni minori ad alto tasso di presenze turistiche, come ce ne sono tanti anche nella nostra provincia – conclude Bezzini – Il Governo ha previsto alcune forme di compensazione in termini di parziale rimborso della tassa di soggiorno, ma è comunque necessario proseguire il confronto per fare ulteriori passi in avanti anche su questo fronte”.

Festeggiamo insieme!

TOSCANA CI SIAMO!

Grande cena per festeggiare insieme l’elezione di Simone.

Venerdì 12 giugno, Ore 20

Sala Polivalente La Ginestra – Poggibonsi

 

Prezzo: 25 euro

Per prenotare: 347 7040789 – 338 3016241 – 0577 1698324

oppure manda una mail a bezzini2015@gmail.com

Prenotazioni entro giovedì 11 alle ore 14.

Cara cittadina, caro cittadino…

Portiamo Siena in Toscana e la Toscana a Siena. Con impegno, passione e competenza.

Cara cittadina, caro cittadino,

ci siamo, le elezioni regionali sono ormai alle porte. Solo qualche mese fa in tanti, dentro e fuori il Partito Democratico, mi chiedevano di candidarmi alle elezioni regionali. Ho accettato la sfida ed ho raccolto il più alto numero di firme tra i candidati PD, con un sostegno trasversale a tutte le sensibilità interne al partito e a tutti i territori. Il nostro viaggio non poteva iniziare in modo migliore.

Da allora abbiamo percorso tanta strada, crescendo sempre di più e arricchendo ogni giorno il nostro programma. Abbiamo scelto fin dall’inizio di impostare una campagna elettorale diversa dal solito, dando voce ai territori e basata sulle proposte concrete. L’entusiasmo che ci circonda e il consenso raccolto dimostrano che è stata una scelta azzeccata. Ho incontrato cittadini, lavoratori, associazioni e imprese di tutta la nostra meravigliosa provincia, cercando di coniugare l’ascolto alla proposta, perché solo così si possono fare passi avanti concreti e riavvicinare le istituzioni ai cittadini.

Un impegno per me è prioritario sarà rappresentare e difendere le esigenze di tutti i territori, anche dei più periferici. Le Terre di Siena sono un territorio vasto, fatto di tanti piccoli e medi centri, e non è accettabile che vi possano essere territori di serie A e territori di serie B.

Il mio progetto è quello di legare le Terre di Siena alla Toscana, per cogliere le opportunità che la Regione offre. Nuovi finanziamenti, nuove progettualità e nuove risorse. Siena non è la Cenerentola della Toscana, e non può restare ai margini delle politiche regionali. Con il venir meno delle Province, il rapporto con la Regione sarà infatti cruciale per i prossimi anni. Sanità, lavoro, turismo, attività produttive, agricoltura, infrastrutture, cultura, istruzione, servizi pubblici, associazionismo, caccia, strade, paesaggio… l’elenco delle materie su cui le scelte della Regione Toscana saranno decisive è lungo e potrebbe continuare.

Per tutte queste ragioni è necessario stringere un nuovo Patto con la Regione Toscana, che si sostanzi in un accordo di programma fatto di impegni precisi, progetti, certezza di finanziamenti e cronoprogrammi ben definiti.

In questa fase complessa dal punto di vista economico, fare promesse significa prendere in giro gli elettori. Diffidate da chi promette questo o quello. L’unica cosa che io vi prometto è il mio impegno. Quello sì. Attivo, costante e vicino. Mi impegno ad essere punto di riferimento per le Terre di Siena in Regione e a mantenere un rapporto vivo e trasparente con tutti i territori.

Queste elezioni sono quindi un appuntamento importante, un’occasione da non perdere. La nostra valigia è piena di appunti e di progetti, di speranza e di gioia. Ma, come si dice, non è che l’inizio! La nostra Road Map è un cammino che guarda lontano e si costruisce passo dopo passo, con impegno, passione e competenza.

Portiamo Siena in Toscana e la Toscana a Siena. Insieme.

Simone Bezzini

Castelnuovo per Simone Bezzini ed Enrico Rossi

Castelnuovo Berardenga per Enrico Rossi Presidente e Simone Bezzini Consigliere Regionale

 

Cara amica, caro amico,

il 31 maggio la Toscana va al voto per rinnovare il Consiglio Regionale. Come ogni appuntamento elettorale, siamo di fronte ad una grande occasione di partecipazione democratica, di dibattito pubblico, per discutere dei problemi del territorio e individuare le migliori strade per risolverli. Un momento fondamentale per fare un bilancio degli anni passati e progettare insieme il futuro della nostra comunità.

La Regione rivestirà nei prossimi anni sempre più centralità nelle scelte che riguardano la nostra vita. Sanità, lavoro, turismo, attività produttive, agricoltura, investimenti, infrastrutture, cultura, scuole, servizi pubblici, cooperazione, associazionismo, sociale, strade, paesaggio, caccia… l’elenco delle materie su cui le scelte della Regione Toscana saranno decisive è lungo e potrebbe continuare.

Per queste ragioni, riteniamo sia importante rinnovare la nostra fiducia al Presidente Enrico Rossi, che bene ha operato in questi anni. Inoltre, in una fase delicata di riassetto istituzionale in cui vi è il rischio di restare ai margini delle future politiche regionali, ci vuole una persona affidabile, competente e vicina che possa rappresentare con impegno e serietà il nostro territorio nel nuovo Consiglio Regionale.

Riconosciamo in Simone Bezzini, candidato del Partito Democratico, la figura che meglio può svolgere l’importante ruolo di Consigliere Regionale per i prossimi cinque anni. Ex Presidente della Provincia, vive nel Chianti, conosce bene il nostro territorio, ha un rapporto diretto con noi e con tutta la cittadinanza e ha dimostrato grandi capacità amministrative.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di avere un punto di riferimento autorevole per affrontare le sfide che ci attendono. Un punto di riferimento per tutti noi, che sia in grado di rappresentare gli interessi di Castelnuovo Berardenga in Toscana.

Le priorità per il nostro territorio che affidiamo a Simone Bezzini sono:

  1. Ridare all’agricoltura centralità, dignità e reddito. Per un’agricoltura multifunzionale, distinta per qualità e sostenibilità, diversificazione e innovazione, c’è bisogno di misure consistenti e incentivanti, di riduzione della burocrazia, di facilitare l’accesso al credito.
  1. Un patto fra istituzioni e mondo produttivo per un governo del territorio aperto, non calato dall’alto ma condiviso, che incentivi i comportamenti ecocompatibili, sostenga il recupero di un patrimonio olivato a rischio abbandono e favorisca il recupero delle aree marginali.
  1. Proseguire nel sostegno alla formazione e alla ricerca.
  1. Proseguire e rafforzare il lavoro fatto per il turismo, per un’ulteriore “innovazione di prodotto”.
  1. Garantire pari opportunità a tutti i territori per quanto riguarda i servizi, soprattutto per quelli socio-sanitari e per i “servizi di prossimità”, come gli uffici di Poste Italiane.
  1. Garantire il diritto all’istruzione e alla formazione dei giovani cittadini.

Per tutti questi motivi domenica 31 maggio ti invitiamo ad andare a votare e scegliere il Partito Democratico, per proseguire il prezioso lavoro svolto in questi anni a livello comunale, provinciale e regionale. Ti invitiamo a votare Enrico Rossi Presidente, per consolidare il percorso fatto e consentire alla Toscana di vincere le sfide del futuro. Ti invitiamo ad esprimere la tua preferenza per Simone Bezzini, affinché il nostro territorio possa essere rappresentato al meglio in Consiglio Regionale.

Fai un croce accanto al nome di Simone Bezzini. Il tuo voto andrà automaticamente anche al Partito Democratico e al candidato Presidente Enrico Rossi. Si vota dalle ore 7 alle ore 23.

Per portare Castelnuovo in Toscana e la Toscana a Castelnuovo. Per amore del nostro meraviglioso territorio.

Giuseppe Barletta, Luca Bonechi, Chiara Ciani, Fabiana Coli, Roberta Di Pasquale, Claudia Foti, Cesare Francini, Cosimo Francini, Tiziana Fregoli, Mauro Giannetti, Filippo Giannettoni, Luciano Gosi, Alessandro Maggiorelli, Flavio Mocenni, Fabrizio Nepi, Simone Pacciani.

Poggibonsi per Simone Bezzini ed Enrico Rossi

POGGIBONSI PER SIMONE BEZZINI CONSIGLIERE REGIONALE ED ENRICO ROSSI PRESIDENTE

Appello verso le Elezioni Regionali TOSCANA 2015

Il 31 maggio la Toscana va al voto per rinnovare gli organismi di governo e il Consiglio Regionale. Superate le province, la Regione assume una nuova centralità anche nelle prestazioni dei servizi. Al primo posto c’è la sanità, ma poi trasporti, formazione professionale, strade, turismo, sviluppo economico e forse presto anche i Centri per l’Impiego.

Enrico Rossi, candidato a Presidente della Regione Toscana per il Pd, che è in corsa per il secondo mandato, ha saputo esprimere una visione di sviluppo per questa Regione, nonostante la crisi. Scegliamo Enrico Rossi perché continui ad investire sulla sanità e sulla qualità dei servizi, perché sostenga lo sviluppo del territorio, il distretto del camper, il completamento della 429, l’efficienza nei trasporti ferroviari e una promozione turistica adeguata per un territorio, il nostro, che vuole crescere in questo settore ed ha tutte le potenzialità per farlo.

Candidato al Consiglio Regionale è Simone Bezzini. Quarantenne, colligiano, diplomato all’ITC Roncalli di Poggibonsi, è sposato con Alessandra e padre di due figli piccoli, Matteo e Tommaso. E’ stato Presidente della Provincia di Siena. Impegno, passione e competenza sono le sue peculiarità di sempre. Simone soprattutto è figlio di questo territorio. Lo conosce e lo può rappresentare al meglio. Può essere quel punto di riferimento di cui abbiamo bisogno, l’anello di congiunzione tra i nostri Comuni e le decisioni che saranno assunte in Regione Toscana. Decisioni che sempre più, come abbiamo detto prima, andranno ad incidere concretamente nelle nostre vite di ogni giorno. Simone può fare tutto questo impegnandosi a tenere i rapporti costanti con il territorio, rendicontando e incontrando continuamente persone, enti, associazioni.

Se questo è il punto di partenza, queste sono le priorità per Poggibonsi che affidiamo a Simone:

1. Promuovere la centralità di Campostaggia, il miglioramento dei servizi, la diminuzione delle liste

2. Lavorare per mettere in connessione i distretti manifatturieri del nostro territorio con gli strumenti di programmazione regionale e con i rispettivi canali di finanziamento. Sostenere finanziariamente l’innovazione delle imprese significa infatti favorire la ripresa e il lavoro.

3. Impegnarsi per il completamento della 429, del raddoppio ferroviario e l’efficienza dei trasporti ferroviari.

4. Impegnarsi presso la Regione Toscana per recuperare risorse e tempo perché la tangenziale di Staggia sia una realtà.

5. Sostenere il marchio Terre di Siena all’interno di cui promuovere ai fini turistici sempre più i nostri beni culturali: Cassero, Mura e area archeologica in primis.

Per tutto questo sosteniamo Simone e ti chiediamo di sostenerlo. Il 31 maggio vota e fai votare Simone Bezzini. Portiamo Poggibonsi in Toscana e la Toscana a Poggibonsi.

Per votare Simone è sufficiente apporre una crocetta sulla casella accanto al nome di Simone Bezzini. In tal modo il voto andrà automaticamente anche al PD e a Enrico Rossi Presidente.

Si vota domenica 31 maggio dalle ore 7 alle ore 23.

 
David Bussagli, Silvano Becattelli, Nicola Berti, Fabio Carrozzino, Susanna Salvadori, Michela Bardotti, Enrica Borgianni, Ilenia Bruni, Mauro Burresi, Emma Fornaro, Silvia Lazzeri, Alessio Pianigiani, Ilaria Pianigiani, Marco Panti, Susanna Cenni, Elio Bettini, Gianluca Bianchi, Sergio Braccagni, Daniela Ceccherini, Linda Diomiri, Spartaco Francini, Laura Giusti, Lore Lorenzi, Mario Bruno Masi, Carlo Mezzedimi, Carlo Andrea Micheli, Manuel Milione, Angelo Minutella, Barbara Paoletti, Tiziano Scarpelli, Elisa Tozzetti, Roberto Pruneti, Antonella Pruneti, Simone Secci, Piero Bardotti, Mattia Cifarelli, Marcello Iacopini, Mirko Niccolai, Edo Bruni, Luca Bruni, Lucia Cianciolo, Lorenzo Palomba, Stefano Viciani, Idalgo Faleri, Tecla Lazzeri, Luca Giannetti, Blerina Hasa, Francesco Pelosi, Domenico Maffei, Filippo Mezzedimi, Gisella Papini, Luca Scali, Lucia Coccheri, Carlotta Lecami, Marcello Lecami, Ilia Regoli, Saverio Tanzini.

Pagina 1 di 3

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén