Simone Bezzini

Siena in Toscana, la Toscana a Siena

Tag: Siena (Page 1 of 2)

A difesa delle produzioni di formaggi di qualità

formaggio

Difendiamo le produzioni locali di qualità dall’uso di latte in polvere nella produzione di formaggi ed altri prodotti caseari. Il Consiglio Regionale ha approvato una mozione del Pd che ho sostenuto e sottoscritto e che impegna la giunta ad attivarsi in questo settore, battendosi anche in sede comunitaria. Chi investe sulle produzioni di qualità ed usa materie prime scelte, non può essere penalizzato dall’apertura del mercato ad alti tipi di prodotti.
Questo vale anzitutto per le Dop e i prodotti Igp, ma vale anche per tutte le tante e piccole produzioni di qualità del territorio come tante ne abbiamo in provincia di Siena e nella Toscana rurale, per tutelare chi si alza all’alba per mungere ed offrire ai propri clienti le eccellenze gastronomiche che rendono grandi le terre di Siena.

Condividi su

‪Whirpool‬ a ‪Siena‬: un esempio di politica industriale.

whirpool siena

Qualche giorno fa il Governo ha sottoscritto un accordo per il mantenimento degli stabilimenti in Italia del colosso americano, ottima notizia per tanti lavoratori e presidi industriali nel nostro paese. Fa bene il Governo a rivendicarne il successo.
Lo stabilimento di Siena, però, è bene ricordarlo (come ha fatto anche l’assessore Bugli), non era tra quelli messi in discussione.
Questo anche grazie all’attenzione che Regione ed enti locali avevano dimostrato negli anni passati per l’azienda. Nel 2011 firmammo un accordo tra il management dell’azienda, la Provincia che allora rappresentavo, la Regione Toscana, Università di Firenze, Siena e Pisa e Confindustria. Per rilanciare gli investimenti, mantenere l’occupazione e soprattutto arrivare ad una nuova offerta, più competitiva, ad alto contenuto tecnologico, che impiegasse le risorse della ricerca e le competenze locali.

Tramite la Regione Toscana, Whirpool in questi anni è riuscita ad aggiudicarsi importanti fondi europei in ricerca e sviluppo: oltre un milione e settecentomila euro di agevolazioni concesse in conto capitale, finalizzati ad attivare oltre cinque milioni di investimenti. Parliamo di 350 lavoratori della sede senese e di oltre un centinaio coinvolti nell’indotto locale.

Continueremo a tenere alta l’attenzione sulle prospettive e sulla tutela dei livelli occupazionali dello stabilimento Whirpool di Siena.

Condividi su
Tower of Town hall in Siena with part of square

Le proposte di Simone Bezzini (PD) per Siena

Le mie otto idee per un nuovo Patto tra Siena e la Toscana

 

Siena rischia di perdere un’altra occasione. C’è una sottovalutazione dell’importanza che il rapporto con la Regione può avere per la città e per il territorio. La crisi generale, le difficoltà di questi anni e il processo di riordino istituzionale rendono indispensabile avere obiettivi chiari per dare una prospettiva alla città. L’appuntamento elettorale di domenica è quindi decisivo e merita tutta la nostra attenzione.

Serve un nuovo Patto tra Siena e la Toscana, che si sostanzi in un accordo di programma fatto di impegni precisi, progetti, certezza di finanziamenti e cronoprogrammi ben definiti. Un Patto che riguardi l’intero territorio provinciale, ma che abbia un focus specifico sulla città. Credo ci siano otto temi fondamentali sui quali sottoscrivere il nuovo Patto tra Siena e la Toscana.

Primo tema: la sanità. Va mantenuta la centralità di Siena nel sistema sanitario toscano, in particolare nella nuova ASL di area vasta. Ciò significa: collocazione a Siena delle funzioni direzionali principali della nuova ASL, più attenzione nei confronti delle Scotte, con il riequilibrio degli stanziamenti regionali, revisione della struttura, valorizzazione della qualità professionale finalizzata alla crescita della capacità attrattiva.

Secondo: Scienze della Vita. Va proseguito il percorso relativo alla costruzione del distretto delle Scienze della Vita e della Pharma Valley attraverso il sostegno a Toscana Life Sciences. Fondamentale sarà anche l’avvio delle attività dell’ITS per la formazione negli ambiti connessi alle Scienze della Vita.

Terzo: le nostre Università. È necessario sostenere con forza l’Università degli Studi di Siena sul fronte della ricerca, sull’immissione di energie giovani, sulle iniziative che creano nuove opportunità occupazionali e sui progetti caratterizzanti, a partire da quelli in materia di sviluppo sostenibile. Allo stesso tempo, occorre sostenere la capacità di accoglienza dell’Università per Stranieri, organizzando una vera e propria piattaforma dell’ospitalità rivolta agli studenti stranieri che scelgono Siena per i propri percorsi formativi.

Quarto: la cultura. Va messa al centro del Patto la valorizzazione delle attività e dei beni culturali del nostro territorio. È necessario garantire i 40 milioni di euro per dare concretezza alla parte più significativa della progettualità di Siena 2019, sostenere la valorizzazione del Santa Maria della Scala e supportare le reti presenti in campo museale e bibliotecario, nonché i poli di eccellenza in campo musicale. Vi è infine l’ulteriore valorizzazione della via Francigena.

Quinto: il turismo. Va definito un programma condiviso tra la città, la Regione e Toscana Promozione per concordare una strategia tesa ad estendere la permanenza dei visitatori e dare continuità ai flussi turistici.

Sesto: Banca MPS. La priorità di questa fase è rappresentata dalla necessità di tutelare l’integrità dell’azienda e i livelli occupazionali, garantire che vengano mantenuti a Siena la sede, le funzioni direzionali e i centri principali di erogazione dei servizi, attraverso l’istituzione di un tavolo di crisi che veda il coinvolgimento della Regione e del Governo.

Settimo: le infrastrutture. È necessario assicurarsi gli ulteriori 20 milioni promessi da ANAS per l’Autopalio e i finanziamenti per i lotti 4 e 9 della Siena-Grosseto. Inoltre, va ripreso il ragionamento rivolto all’implementazione del trasporto ferroviario a servizio dell’area urbana senese.

Ottavo e ultimo tema: una sede unificata degli uffici decentrati della Regione Toscana, da collocare nella nuova struttura in viale Sardegna, inizialmente pensata per ospitare uffici della Provincia e attualmente vuota. Ciò significherebbe ottimizzazione, risparmio e semplificherebbe la vita a cittadini ed imprese.

Con queste elezioni regionali siamo ad uno spartiacque. Bisogna lavorare affinché il rapporto con la Regione sia positivo e costruttivo, fonte di finanziamenti, progettualità e opportunità per il futuro, pena il rischio di restare marginali. Questo rapporto va costruito nei prossimi mesi, da subito, stringendo il Patto con la Regione Toscana che ho provato qui a delineare, con il coinvolgimento di tutti i livelli istituzionali e delle parti sociali. Portiamo Siena in Toscana e la Toscana a Siena.

Simone Bezzini

Condividi su
sanità2

Il futuro della sanità senese

Mercoledì 27 maggio, ore 18, Circolo ARCI Ruffolo, Siena

IL FUTURO DELLA SANITÀ SENESE

con ANNA FERRETTI e SIMONE BEZZINI

Organizza Siena per Bezzini

Sanità Ferretti-Bezzini

Condividi su
roadmap11

Siena in Toscana, la Toscana a Siena. Ecco la nostra Road Map.

Questa è la nostra Road Map‬ per portare Siena in Toscana e la Toscana a Siena. Un viaggio che lega il nostro territorio alla Regione e la Regione al nostro territorio. Al centro c’è il Nuovo Patto tra Siena e la Toscana. Attraversiamo insieme le tappe di questo percorso, che attraversa i territori ed è fatto di proposte. Il nuovo si costruisce coi fatti, non a parole.

Raod Map

Condividi su
Chianti_uva

Bezzini: “Distretto Rurale per il Chianti, i tempi sono maturi”

Il candidato democratico: “Dalla Regione Toscana più attenzione e meno burocrazia”

I tempi sono maturi per la nascita del Distretto Rurale per il Chianti, uno strumento di concertazione fra le istituzioni, le componenti produttive e sociali per dare adeguata riconoscibilità al territorio e generare una piattaforma condivisa e un progetto organico per il Chianti del futuro” dichiara Simone Bezzini, candidato al Consiglio Regionale, a seguito degli incontri avuti in queste settimane. “Lo scenario che si apre può offrire nuove opportunità concrete anche in termini di finanziamenti per il territorio e le imprese”.

“Sono passati quasi vent’anni dal Manifesto di Pontignano, ora è necessario fare il salto di qualità, concretizzare e definire il percorso fatto fino ad ora dalla Conferenza permanente dei Sindaci e dal Consorzio Chianti Classico. Il Chianti è un gioiello non riproducibile, senza il quale Siena, la Toscana e l’Italia non sarebbero quelle che sono. Il suo valore non è mai stato davvero riconosciuto, è arrivato il momento di farlo. La nuova Regione dovrà avere un ruolo fondamentale in questo processo” prosegue Bezzini.

Il Chianti, dove peraltro vivo da diversi anni, ha tutte le caratteristiche per essere un sito UNESCO, quindi va sostenuto il percorso iniziato in questa direzione. Con la sua forte identità territoriale, fondata sulla ruralità in tutti i suoi aspetti e sull’equilibrio fra uomo e ambiente, passato e futuro, tradizione e innovazione, il Chianti ha saputo ridefinirsi e reinventarsi lungo i secoli” afferma Bezzini.

Read More

Condividi su
vigni7

Simone Vigni: “Perchè sostengo Simone Bezzini”

Simone Vigni (PD): “Perché sostengo Simone Bezzini”

Una persona competente, una candidatura che unisce”

Simone Vigni, consigliere comunale a Siena, fa il suo endorsement. Fondatore del primo comitato per Renzi a Siena, Vigni è coordinatore cittadino della campagna per Simone Bezzini.

«Quando Simone mi ha chiesto se fossi disponibile per coordinare la sua campagna a Siena, ho accettato con entusiasmo. È un candidato del Partito Democratico, serio ed unitario, con un consenso trasversale che va oltre le diverse sensibilità di partito, in grado di parlare anche all’esterno senza steccati o preclusioni. È la persona che meglio può rappresentare la comunità senese e l’intero territorio, perché solo insieme città e provincia potranno vincere le sfide del futuro. Il nostro sostegno a Simone è un sostegno lucido, programmatico e non urlato, frutto di un percorso condiviso fatto di proposte concrete» dichiara Vigni.

Read More

Condividi su

Page 1 of 2

Powered by WordPress

bezzini2015@gmail.com