Oggi è un giorno importante, che ci tengo a condividere con ognuno di voi. Il regolamento vuole che i consiglieri uscenti comunichino formalmente entro oggi la propria disponibilità a ricandidarsi. Ho aspettato fino all’ultimo momento che finisse la direzione provinciale, prima di esprimermi, per un approccio mio personale che a qualcuno potrà forse sembrare démodé, ma anche questo significa per me fare parte di una comunità. Prima di assumere iniziative individuali volevo ascoltare la valutazione e la presa di posizione della direzione provinciale, che ringrazio per il sostegno, la fiducia e le parole spese nei confronti del lavoro da me svolto in questi cinque anni. Se abbiamo ottenuto risultati importanti, e credo di sì, è però grazie al grande lavoro di squadra che insieme abbiamo fatto. In questi giorni mi è stata rivolta una domanda che a primo impatto può sembrare semplice, ma in realtà apre vari spunti di riflessione: “perché ti ricandidi?”Un secondo mandato, almeno per come lo vedo io, non è una mera continuazione del primo, ma è a tutti gli effetti una sfida inedita. Un nuovo inizio. Ad avere continuità sono quei progetti e quelle idee che devono essere portate a compimento, ma che hanno bisogno di nuovo slancio e nuove energie, di un rinnovato impegno collettivo. Anche questo mi spinge nuovamente in prima linea. La mia idea di politica si basa su una solida certezza: la politica è servizio alla collettività e al territorio. Per questo mi ricandido. Per la voglia di partecipare attivamente all’interno della società in cui vivo, cercando di cambiare le cose in meglio. A volte ci si riesce, a volte no, ma chi non ci prova ha già perso. Una volontà sostenuta e stimolata anche da tante sollecitazioni arrivate dall’interno e dall’esterno del partito che mi hanno fatto davvero piacere. Grazie al PD della Provincia di Siena, grazie a tutti voi. Ora spedisco, con ancora più convinzione, la lettera da inviare alla segretaria regionale Simona Bonafè e al segretario provinciale Andrea Valenti. Siamo pronti, ancora più uniti e forti, per far vincere Siena, le sue terre e la Toscana.